Residenza Verbania

2004 - 2006

Ristrutturazione

Muralto

La ristrutturazione in oggetto ha riproposto in chiave moderna gli elementi più caratteristici ed emergenti quali i loggiati del corpo di fabbrica sporgente e gli estesi balconi di quello arretrante sul lato sud. In particolare, si è posta attenzione all’ordine, al rigore geometrico ed architettonico nonché alla purezza delle linee riducendo il numero dei vuoti e dei pieni e di tutti quegli oggetti di disturbo alle superfici esterne.

La scelta delle tinte si è ispirata all’architettura tipicamente razionalista con l’uso del bianco quale colore dominante.

Il progetto internamente si è basato essenzialmente sui seguenti concetti:
- Diversificare dal punto di vista funzionale l’edificio con un ristorante, sei camere di albergo e sette appartamenti;
- Suddividere volumetricamente l’edificio in tre parti distinte: quella arretrata alta (7 livelli), quella sporgente di un livello più bassa (6) e quella centrale (3);
- Demolire le scale e l’ascensore non più a norma con il conseguente rifacimento e livellamento parziale delle solette;
- Creare un nuovo perno distributivo situato al centro dei tre volumi e volutamente svincolato dal ristorante al PT;
- Creare quattro autorimesse al 1° piano con accesso dall’antica via dei Muralti e distinguere gli appartamenti in 3 tipologie;
-Orientare terrazze e spazi giorno degli appartamenti verso il lago, mentre la zona notte e i servizi a nord.

Residenza Verbania-Ristorante Divino

2004 - 2006

Ristrutturazione

Muralto

La ristrutturazione in oggetto ha riproposto in chiave moderna gli elementi più caratteristici ed emergenti quali i loggiati del corpo di fabbrica sporgente e gli estesi balconi di quello arretrante sul lato sud. In particolare, si è posta attenzione all’ordine, al rigore geometrico ed architettonico nonché alla purezza delle linee riducendo il numero dei vuoti e dei pieni e di tutti quegli oggetti di disturbo alle superfici esterne.

La scelta delle tinte si è ispirata all’architettura tipicamente razionalista con l’uso del bianco quale colore dominante.

Il progetto internamente si è basato essenzialmente sui seguenti concetti:
- Diversificare dal punto di vista funzionale l’edificio con un ristorante, sei camere di albergo e sette appartamenti;
- Suddividere volumetricamente l’edificio in tre parti distinte: quella arretrata alta (7 livelli), quella sporgente di un livello più bassa (6) e quella centrale (3);
- Demolire le scale e l’ascensore non più a norma con il conseguente rifacimento e livellamento parziale delle solette;
- Creare un nuovo perno distributivo situato al centro dei tre volumi e volutamente svincolato dal ristorante al PT;
- Creare quattro autorimesse al 1° piano con accesso dall’antica via dei Muralti e distinguere gli appartamenti in 3 tipologie;
-Orientare terrazze e spazi giorno degli appartamenti verso il lago, mentre la zona notte e i servizi a nord.